Quelli che vivono molto nel passato, tempo forse di grande gioia, o nel ricordo di un amico perduto, o di ambizioni mai realizzate. Non si aspettano altra felicità simile a quella già vissuta.

Da I 12 Guaritori e altri rimedi

Nel gruppo dei rimedi per il “non sufficiente interesse per le circostanze presenti” troviamo questo meraviglioso fiore per chi tende a rimanere ancorato al passato. Cosa vuol dire?

Si può rimanere attaccati al passato perché è stato un momento molto felice: una persona in età matura che sente che il momento felice della sua vita ormai è andato, oppure un adulto che guarda all’età dell’adolescenza con nostalgia, vedendo il presente come una serie di obblighi e responsabilità o di piccoli piaceri che mai potranno essere paragonati alla spensieratezza di quel periodo.

Ma si può guardare al passato anche con rancore: quella volta che avrei potuto fare quella cosa e invece non l’ho fatta, l’occasione che poteva cambiarmi la vita e che non ho colto, la giovinezza che non ho avuto e adesso è troppo tardi…

In tutti i casi come questi appena descritti, il passato occupa i nostri pensieri e può non essere semplice trovare energia e interesse per concentrarsi sul presente. Bach ci insegna che, indipendentemente da quanti anni abbiamo e da quale sia la nostra situazione, ogni singolo giorno nasconde in sé un potenziale di gioia.

Honeysuckle aiuta proprio a lasciarci alle spalle quello che ormai è passato e concentrarci sul trovare il piacere nella quotidianità del presente. I bei ricordi resteranno ma non saranno la nostra unica fonte di felicità; allo stesso tempo, non sprecheremo più energia pensando a cosa avremmo potuto fare diversamente, magari attivandoci per realizzarla proprio adesso.

Honeysuckle, il rimedio per chi guarda al passato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.